21 maggio 2019

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Per argomento
 
Ordine cronologico
 
>Cassazione
 
>2019
 
 
>2018
>2017
>2016
>2015
>2014
>2013
>2012
>2011
>2010
>2009
>2008
>2007
>2006
>2005
>2004
>2003
>2002
 
>Consiglio di Stato
 
>Corte di Assise
 
>Tribunali
 
>Corte costituzionale
 
>Corte Europea
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiositą
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 
 

Accessi:
2034826
 
 
 
Utenti online:
16
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
REPERTORIO DELLE SENTENZE  |  ORDINE CRONOLOGICO  |  CASSAZIONE  |  2019 
 
 
 
Sentenza Cassazione (593): sulla responsabilitą di una societą per l'infortunio occorso a un lavoratore dipendente - Sezione IV penale - Sentenza n. 18344 del 3 maggio 2019.

La prevenzione degli infortuni di soggetti estranei a un cantiere appartiene al gestore del rischio connesso alla sua esistenza anche se essi tengono condotte imprudenti purché non esorbitanti il tipo di rischio definito dalla norma cautelare violata.

 
   
 
Sentenza Cassazione (592): sulla responsabilitą di una societą per l'infortunio occorso a un lavoratore dipendente - Sezione IV penale - Sentenza n. 16598 del 17 aprile 2019.

Le carenze di misure di prevenzione che hanno portato a delle lesioni gravi di un lavoratore, se derivanti da precise scelte societarie per risparmiare sui costi della sicurezza, costituiscono un illecito amministrativo ai sensi del D. Lgs. n. 231/2001.

 
   
 
Sentenza Cassazione (591): sulla responsabilitą per l'infortunio mortale di un lavoratore caduto da un trabattello - Sezione IV penale - Sentenza n. 15335 del 9 aprile 2019.

il CSE può rispondere degli infortuni accaduti in cantiere nel caso in cui, pur a conoscenza di inadempimenti in materia di sicurezza che li hanno determinati, non abbia provveduto a segnalarli al committente e a proporre la sospensione del cantiere.

 
   
 
Sentenza Cassazione (590): sull'obbligo del datore di lavoro di vigilare sull'osservanza delle misure di prevenzione - Sezione IV penale - Sentenza n. 14915 del 4 aprile 2019.

L’obbligo del datore di lavoro di vigilare sull’osservanza delle misure di prevenzione può essere assolto attraverso la preposizione di soggetti a ciò deputati e la previsione di procedure che gli assicurino la conoscenza delle attività lavorative.

 
   
 
Sentenza Cassazione (589): sulla responsabilitą per il decesso di un lavoratore dovuto a ichemia cardiaca - Sezione IV penale - Sentenza n. 14281 del 2 aprile 2019.

La responsabilità del titolare di un’impresa appaltante esecutrice per l’infortunio occorso a un lavoratore di un’impresa appaltatrice può essere esclusa solo nel caso che quest’ultima fornisca ogni garanzia in ordine all’esecuzione delle attività.

 
   
 
Sentenza Cassazione (588): sulla responsabilitą del RSPP per un infortunio dovuto a una errata valutazione del rischio - Sezione IV penale - Sentenza n. 11708 del 18 marzo 2019.

Il RSPP risponde a titolo di colpa professionale, unitamente al datore di lavoro, degli eventi dannosi derivati dalla mancata segnalazione di situazioni di rischio che abbiano indotto lo stesso a omettere l’adozione delle doverose misure precauzionali.

 
   
 
Sentenza Cassazione (587): sulla responsabilitą per un investimento mortale nella zona di accesso a un cantiere - Sezione IV penale - Sentenza n. 11157 del 13 marzo 2019. .

Non rientra nella zona di accesso a un cantiere, ai fini della sicurezza sul lavoro, il marciapiedi esterno se di proprietà pubblica o comunque non nella disponibilità del datore di lavoro chiamato a gestire i rischi legati al transito dei mezzi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (586): sulla configurabilitą del reato di omessa consegna dei documenti richieti dagli ispettori - Sezione III penale - Sentenza n. 6913 del 13 febbraio 2019 .

il reato di omessa consegna dei documenti richiesti dall’ispettore ha la sua ratio nel rafforzamento dei poteri di vigilanza in sede amministrativa e non è configurabile se lo stesso agisce su delega o anche quale autorità di P.G. in indagini penali.

 
   
 
Sentenza Cassazione (584): sulla responsabilitą del parroco per un infortunio durante la pittirazione di una chiesa - Sezione IV penale - Sentenza n. 6408 del 11 febbraio 2019.

Il parroco assume una posizione di garanzia nei confronti di chi, anche volontariamente, effettua dei lavori all’interno della sua chiesa per cui è responsabile per l’infortunio di un lavoratore caduto da una scala durante i lavori di pitturazione.

 
   
 
Ordinanza Cassazione (583): sulla legittimitą del licenziamento di un lavoratore che non ha partecipato al corso di formazione - civile Sezione Lavoro - Ordinanza n. 138 del 7 gennaio 2019.

Non partecipare ingiustificatamente ai corsi di formazione in materia di sicurezza sul lavoro costituisce per i lavoratori una violazione degli obblighi di diligenza, di fedeltà e di correttezza e può rappresentare una giusta causa di licenziamento.

 
   
 
Sentenza Cassazione (582): su quando un piano di caricamento va protetto contro il rischio di caduta dall'alto - Sezione IV penale - Sentenza n. 5900 del 07 febbraio 2019.

Un piano di caricamento di altezza inferiore ai 2 metri può non essere protetto dal rischio di caduta dall’alto ma solo se viene utilizzato esclusivamente per le operazioni di carico e scarico e non come piano di lavoro destinato ad altre operazioni.

 
   
 
Sentenza Cassazione (581): sull'obbligo di vigilanza del CSE anche se le imprese non operano contemporaneamente - Sezione IV penale - Sentenza n. 4647 del 30 gennaio 2019.

La figura del coordinatore è richiesta anche nel caso in cui in cantiere lavorino più imprese o lavoratori autonomi in successione tra di loro e non necessariamente in concomitanza laddove i piani organizzativi siano comunque in grado di interferire.

 
   
 
Sentenza Cassazione (580): sulla mancata verifica della salute di un lavoratore colpito da insufficienza cardiaca - Sezione IV penale - Sentenza n. 1465 del 14 gennaio 2019.

In tema di infortunio sul lavoro la circostanza che un lavoratore possa trovarsi in condizioni psico-fisiche tali da non renderlo idoneo a svolgere i suoi compiti non elide il nesso causale tra la condotta omissiva del datore di lavoro e l’infortunio.

 
   
 
Sentenza Cassazione (576): sulla responsabilitą per un infortunio dovuto alla caduta di un cancello non a norma - Sezione IV penale - Sentenza n. 123 del 3 gennaio 2019.

Si verifica una interruzione del nesso causale tra condotta omissiva ed evento rilevante, ai sensi dell’art. 41 c.p., quando interviene un ulteriore fattore causale che inneschi un rischio nuovo rispetto a quello originario attivato dalla condotta.

 
   
 
 
risultati da 1 a 14 di 14       pagina
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it