17 ottobre 2018

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Per argomento
 
Ordine cronologico
 
>Cassazione
 
>Consiglio di Stato
 
 
>Corte di Assise
 
>Tribunali
 
>Corte costituzionale
 
>Corte Europea
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiosità
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 
 

Accessi:
1909338
 
 
 
Utenti online:
9
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
REPERTORIO DELLE SENTENZE  |  ORDINE CRONOLOGICO  |  CONSIGLIO DI STATO 
 
 
 
Sentenza Consiglio di Stato Adunanza plenaria n. 9 del 2 novembre 2015 (Sulla esclusione per la mancata indicazione dei costi della sicurezza)

Sentenza Consiglio di Stato Adunanza plenaria n. 9 del 2 novembre 2015 (Sulla esclusione per la mancata indicazione dei costi della sicurezza)

 
   
 
Sentenza Consiglio di Stato Sez. 3 n. 1723 del 1 aprile 2015 (Sulla non esclusione dalla gara per la mancata indicazione dei costi della sicurezza)

Sentenza Consiglio di Stato Sez. 3 n. 1723 del 1 aprile 2015 (Sulla non esclusione dalla gara per la mancata indicazione dei costi della sicurezza)

 
   
 
Sentenza Consiglio di Stato Adunanza plenaria n. 3 del 20 marzo 2015 (Sulla esclusione per la mancata indicazione dei costi della sicurezza)

Sentenza Consiglio di Stato Adunanza plenaria n. 3 del 20 marzo 2015 (Sulla esclusione per la mancata indicazione dei costi della sicurezza)

 
   
 
Sentenza Consiglio di Stato Sez. IV n. 2464 del 14 maggio 2014 - Sui requisiti professionali del RSPP e ASPP.

I requisiti professionali richiesti dal D. Lgs. n. 81/2008 per i responsabili e addetti al servizio di prevenzione e protezione costituiscono delle condizioni minime perché possano svolgere i loro compiti. Il datore di lavoro ha il potere discrezionale di richiedere ulteriori requisiti ai quali subordinare la loro nomina.

 
   
 
Sentenza Consiglio di Stato Sez. VI n. 8104 del 18 novembre 2010 - Sulla responsabilità del lavoratore.

In materia di sicurezza sul lavoro il lavoratore risponde del suo comportamento e delle conseguenze ad esso connesse nel caso in cui lo stesso è esorbitante rispetto al normale procedimento lavorativo ed alle direttive ricevute. 

 
   
 
 
risultati da 1 a 5 di 5       pagina
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it