24 giugno 2024

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
E' accaduto
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 

Accessi:
2928528
 
 
 
Utenti online:
8
 
 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
D. Lgs. n. 812008 e s.m.i. aggiornato dal Ministero del Lavoro (edizione novembre 2023)
 
D. Lgs. n. 812008 e s.m.i. aggiornato dal Ministero del Lavoro (edizione novembre 2023)D
 
Sentenza Cassazione (810): Sulla responsabilità del CSE se non ha sospeso le attività in presenza di rischi gravi e imminenti - penale Sezione III - n. 18040 del 08/05/2024.
 
Il CSE svolge una alta funzione di vigilanza sulle lavorazioni che comportino rischi interferenziali e, nel caso che riscontri direttamente pericoli gravi e imminenti, ha comunque l'obbligo di sospendere le attività anche se correlati a rischi specifici.
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (553): sugli obblighi di sicurezza di un committente privato che deve eseguire lavori edili presso la propria abitazione.
 
Come può un committente privato che intende eseguire dei lavori edili presso la propria abitazione, se è privo di capacità tecniche e di conoscenze normative, essere consapevole dei compiti e degli obblighi che il legislatore ha posto a suo carico dovendo lo stesso controllare oltretutto l’operato dei coordinatori per la sicurezza? Non lo si dovrebbe obbligare a frequentare uno specifico corso di formazione o, in alternativa, a  nominare un responsabile dei lavori?  
       Risposta a cura di G. Porreca.
    Quello formulato dal lettore in questa circostanza più che un quesito è la richiesta di un parere con riferimento al ruolo e agli obblighi che il legislatore ha posto a carico del committente di un’opera edile inteso come tale, ai sensi dell’art. 89 comma 1 lettera b) del D. Lgs. n. 81/2008 contenente il Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, il soggetto per conto del quale viene realizzata l’intera opera edile, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione, Lo stesso cita………………………...
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (552): sull’obbligo di redigere il POS nel caso della realizzazione di impianti all’interno di un cantiere edile.
 
Durante la realizzazione di lavori relativi a impianti, reti informatiche (lavori di fibra ottica) che non comportano lavori edili o di ingegneria civile di cui all'Allegato X del D. Lgs. n. 81/2008 e da svolgere in un cantiere stradale (tipo la posa di cavo in sottoinfrastruttura esistente, la posa di un cavo su una palificata ecc.), l'impresa esecutrice ha l'obbligo di redigere il POS?  
       Risposta a cura di G. Porreca.
    Una domanda del genere ce la siamo già posta, come organi di vigilanza, fin dal 1996 non appena è entrato in vigore il D. Lgs. 4 agosto 1996 n. 494 con il quale fu recepita in Italia la direttiva europea concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute nei cantieri temporanei o mobili, in quanto nel comma 1 dell’allegato I di tale decreto fu riportato l’elenco dei lavori edili o di genio civile per l’esecuzione dei quali si doveva ritenere installato un cantiere temporaneo o mobile e nel comma 2………………………...
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
Accordo unico sulla formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro: ecco la bozza definitiva. Ma era il caso?

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con una nota del 13 maggio 2024, avente a oggetto l’accorpamento, la rivisitazione e la modifica degli accordi in materia di formazione di cui 37 del D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, ha resa nota la "bozza definitiva" che, salvo eventuali e possibili modifiche e integrazioni che possono ancora essere apportate, costituirà oggetto di accordo in sede di Conferenza Stato Regioni.

 
 
 
Sentenza Cassazione (813): Sull’obbligo dei datori di lavoro di adottare idonee misure a protezione delle aperture verso il vuoto - penale Sezione IV - Commento a cura di G. Porreca.
Può una tapparella abbassata ma sollevabile essere equiparata a una protezione contro la caduta dall'alto di un vano finestra  di un fabbricato in costruzione in attesa della sistemazione degli infissi? Ha dato riscontro alla domanda la Corte di Cassazione in una sentenza emanata su un ricorso per l'infortunio di un lavoratore caduto nel vuoto nel mentre operava presso il bordo del vano. Leggi il testo e il commento a cura di G. Porreca

 
 
 
Evento tecnico SAIE LAB su “Antincendio e Impiantistica nelle costruzioni” Bari 27/6/2024.

Il SAIE LAB ha organizzato un evento su “Antincendio e Impiantistica nelle costruzioni” che si svolgerà a Bari il 27/6/2024 presso il Centro Congressi della Fiera del Levante. Bari sarà l’ultima tappa dell’edizione 2024 del SAIE LAB - Laboratori itineranti del saper fare, un ciclo di incontri tecnici che attraversano il territorio italiano fino alla prossima edizione della fiera SAIE Bologna (9/12 ottobre 2024). E' previsto il rilascio di CFP.

 
 
 
Sentenza Cassazione (812): Sulla estinzione dei reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro ex art. 24 del D. Lgs. n. 758/1994 - penale Sezione III - Commento a cura di G. Porreca.

A trenta anni circa dall’entrata in vigore della legge n. 758/1994 la Corte di Cassazione è intervenuta in una recente sentenza a fornire dei chiarimenti sulla estinzione di una contravvenzione in materia di salute e sicurezza sul lavoro se il contravventore adempie alla prescrizione impartita dall’organo di vigilanza e provvede poi al pagamento in sede amministrativa di una sanzione ridotta. Leggi il testo e il commento a cura di G. Porreca.

 
 
 
Sentenza Cassazione (811): Sull’obbligo dei DdL di adottare misure per la protezione dai rischi anche se interferenziali - penale Sezione IV - Commento a cura di G. Porreca.
Ribadita dalla Corte di Cassazione in una recente sentenza della IV Sezione penale l'importanza negli appalti interni di redigere il Duvri ex art 26 comma 3 del D. Lgs. n. 81/2008 posto a carico sì del datore di lavoro committente ma risultato di una cooperazione e di un coordinamento fra tutti i datori di lavoro e lavoratori autonomi. Leggi il testo della sentenza e il commento a cura di G. Porreca.

 
 
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Consulta il MASSIMARIO delle principali sentenze della giurisprudenza in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
 
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (554): Quesito sull’obbligo di designare il coordinatore nel caso di affidamento di lavori in cantiere a una seconda impresa.
 
     In un cantiere installato per la ristrutturazione di un edificio nel quale opera un’unica impresa e nel quale era previsto, per lavorare in quota, l’utilizzo di un ponteggio è sorta la necessità di proseguire i lavori mediante una Plac. In tal caso si configura la necessità di nominare un coordinatore in quanto la ditta che dovrà montare rappresenterebbe una seconda impresa? La stessa sarebbe altresì tenuta a redigere il proprio POS relativo alle attività di montaggio e smontaggio della Plac?
       Risposta a cura di G. Porreca.
    Per rispondere al quesito finalizzato a sapere se il committente di un’opera edile, nel caso in cui in un cantiere nel quale opera un’unica impresa viene chiamata a interviene una seconda impresa per fornire e montare una piattaforma di lavoro a colonne (Plac), deve nominare un coordinatore per la sicurezza (CSE) e se l’impresa stessa, inoltre, prima di entrare in cantiere, deve redigere il proprio piano operativo di sicurezza (POS), occorre………………………...
 
Sentenza Cassazione (808): Sulla non responsabilità del Sindaco per violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro - penale Sezione III n. 49041 del 11 dicembre 2023
 
Con l'atto di individuazione di un dirigente pubblico come datore di lavoro ex art. 2 del D. Lgs. n. 81/2008 vengono trasferite allo stesso tutte le funzioni datoriali, comprese quelle non delegabili, il che rende l’atto non assimilabile alla delega ex art. 16.

   
 
Sentenza Cassazione (809): Sulla responsabilità di un dirigente scolastico per l’infortunio accaduto a un alunno in una scuola - penale Sezione IV - n. 17447 del 30/04/2024.
 
Il cortile di una scuola può essere equiparato a un luogo di lavoro ai fini della determinazione delle responsabilità per l’infortunio accaduto a un alunno. condannato un dirigente scolastico per lesioni con inosservanza della disciplina antinfortunistica.
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it