17 ottobre 2018

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiosità
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 

Accessi:
1909330
 
 
 
Utenti online:
9
 
 
___SEGUICI SU TWITTER___
 
  SEGUICI    SU   TWITTER
 
NON RICEVI LA NEWSLETTER?
 
Se sei iscritto e non ricevi la newsletter o se hai cambiato indirizzo  rinnova qui l'iscrizione
 
Convenzione AiFOS porreca.it.
 

E' stata attivata una convenzione con l’AiFOS in base alla quale porreca.it si è impegnato a fornire agli iscritti all’AiFOS che ne facciano richiesta un abbonamento annuo ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello praticato normalmente agli utenti e una informativa su Corsi e Convegni segnalati. Per informazioni conttatta info@porreca.it.

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (472): sull'obbligo di formare in materia di salute e sicurezza sul lavoro il soggetto delegato delle funzioni ex D. Lgs. n. 81/2008 a cura di G. Porreca.
 

In una azienda con un RSPP esterno il datore di lavoro è tenuto a formare in materia di salute e sicurezza sul lavoro il delegato ex art. 16 del D. Lgs. n. 81/2008 facendolo frequentare il corso di 16 ore per dirigenti previsto dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011? 
Risposta a cura di G. Porreca
       Il quesito formulato dal lettore, finalizzato a conoscere se il soggetto al quale il datore di lavoro ha conferito una delega di funzioni ai sensi dell’art. 16 del D. Lgs. n. 81/2008 deve essere formato in materia di salute e sicurezza su lavoro seguendo in particolare le indicazioni fornite dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione dei dirigenti, è strettamente collegato al quesito n. 267 pubblicato nella rubrica dei Quesiti sulla applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 di questo stesso sito e riguardante...................

 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (484): sull'obbligo della nomina del medico competente e sui lavoratori da sottoporre a sorveglianza sanitaria.
 

In merito alla sorveglianza sanitaria negli ambienti di lavoro esiste un obbligo legislativo ineludibile verso la nomina del Medico Competente in qualsivoglia attività o è conseguente alla valutazione dei rischi presenti e valutati? Se tra i dipendenti vi sono alcuni che non sono esposti a rischi specifici mentre altri sono soggetti ad esempio alla mmc è giusto sottoporre a sorveglianza sanitaria solo questi ultimi e non i primi?
 Risposta a cura di G. Porreca
     Il quesito al  quale si dà riscontro è analogo a quello riportato nella rubrica dei Quesiti sull’applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 di questo stesso sito e individuato con il n. 483 ed è finalizzato a conoscere se l’obbligo di nominare il medico competente sussiste sempre per tutte le aziende o se tale nomina è legata all’esito della valutazione dei rischi e alla presenza nell’azienda stessa di lavoratori da sottoporre a sorveglianza sanitaria e a conoscere altresì ...................

 
Sentenza Cassazione (546): sull'adeguamento continuo del documento di valutazione dei rischi - Sezione IV penale - Sentenza n. 6121 dell'8 febbraio 2018.
 

Il documento di valutazione dei rischi è uno strumento duttile che deve essere adeguato e attualizzato in relazione ai mutamenti sopravvenuti che sono potenzialmente suscettibili di determinare nuove e diverse esposizioni a rischio dei lavoratori.

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
In settimana l’edizione 2018 di Ambiente Lavoro. Arrivederci a Bologna.

Si svolgerà in settimana dal 17 al 19 ottobre presso la Fiera di Bologna l’edizione 2018 di Ambiente Lavoro la fiera italiana dedicata alla sicurezza sul lavoro. Ambiente Lavoro offre la possibilità di aggiornarsi sulle norme poste a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e rappresenta un occasione di incontro fra associazioni, aziende e operatori del settore. Ci saremo anche noi. Arrivederci a Bologna.

 
 
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (491): sull'applicazione delle disposizioni di cui al D. Lgs. n. 81/2008 alle società a responsabilità limitata semplificate a cura di G. Porreca.

Essendo stata la società a responsabilità limitata semplificata (Srls) introdotta dopo l'entrata in vigore del D. Lgs. n. 81/2008, chiede un lettore, può essere paragonato il socio unico di una Srls, che opera senza dipendenti, ad una delle figure di cui all'art. 21 1° comma del D. Lgs. 81/2008 e quindi obbligato al rispetto delle prescrizioni ivi contenute per tali figure? Risposta a cura di G. Porreca

 
 
 
Apportata una modifica all’obbligo della notifica preliminare per i cantieri temporanei o mobili.

Con il D. L. 4/10/2018 n. 113 è stata apportata una modifica all’articolo 99, comma 2 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 sull’obbligo di trasmissione della notifica preliminare per i cantieri temporanei o mobili. Il committente o il responsabile dei lavori dovrà inviarla oltre che all'unità sanitaria locale e alla direzione territoriale del lavoro anche al Prefetto competente.

 
 
 
Sentenza Cassazione (562): Sulla individuazione del garante della sicurezza nelle strutture azienda - Sezione III penale - Commento a cura di G. Porreca.

Nelle strutture aziendali complesse, ai fini dell'individuazione del garante della sicurezza e delle relative responsabilità, occorre fare riferimento al soggetto, datore di lavoro dirigente o preposto, espressamente deputato alla gestione del rischio.Il commento di G. Porreca.

 
 
 
Insediato dal Ministro della Salute il Comitato di Coordinamento Nazionale. Ma che fine ha fatto il Ministero del Lavoro?

Si è insediato presso il Ministero della Salute il Comitato per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Presidiato dal Ministro della Salute è composto da rappresentanti dei ministeri della Salute, degli Interni, di Infrastrutture e Trasporti e delle Regioni e Province autonome con la partecipazione dell’Inail con funzione consultiva. E il Ministero del Lavoro che fine ha fatto?

 
 
 
E siamo a 1.900.000 visite del sito www.porreca.it.

E siamo a 1.900.000 accessi. Un bel traguardo raggiunto grazie alla assiduità con cui ci seguono i lettori, alla nostra costanza nello svolgimento dell’attività di diffusione a favore degli operatori di sicurezza e, perché no, alla ormai "riconosciuta" professionalità in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Ora miriamo ai 2.000.000.

 
 
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 aggiornato ai successivi decreti modificativi e applicativi.
 
     Consulta
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (490): sul controllo da parte del committente delle imprese e dei lavoratori automomi impegnati nei lavori di edilizia libera a cura di G. Porreca.
 

Per i lavori di edilizia libera, peraltro ampliati con la recente normativa, sussiste l'obbligo da parte del committente di cui all'art. 90 comma 9 lett. c) del D. Lgs. n. 81/2008 di trasmettere la dichiarazione attestante l'avvenuta verifica della documentazione di cui alle lettere a) e b)? E se è no non verrebbe meno la "ratio" della norma che vuole un sia pur minimo controllo da parte del committente nei confronti delle ditte esecutrici?
Risposta a cura di G. Porreca
     Oggetto del quesito formulato dal lettore è l’applicazione dell’art. 90 del D. Lgs 9/4/2008 n. 81 riguardante gli obblighi del committente o del responsabile dei lavori nel caso di cantieri installati per la realizzazione per suo conto di un’opera edile, e con lo stesso il lettore ha fatta una osservazione mai riscontrata prima riguardante il caso particolare dei lavori di edilizia libera e cioè di quei lavori per i quali non è richiesto il rilascio di un titolo autorizzativo. Se viene meno, chiede il lettore,...................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (488): suila formazione dei lavoratori neoassunti in materia di salute e sicurezza sul lavoro a cura di G. Porreca.
 

Per quanto riguarda la formazione dei lavoratori neoassunti è sempre valido quanto riportato al punto 10 dell' Accordo Stato regioni del 21/12/2011 inerente le disposizioni transitorie di prima applicazione, il cui relativo percorso formativo deve essere completato entro e non  oltre 60 giorni dalla assunzione?
     Risposta a cura di G. Porreca
     Lo scrivente in passato ha già dato riscontro ad un quesito analogo riguardante la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro dei lavoratori neoassunti, quesito consultabile con il numero 241 nella rubrica dei quesiti sulla’applicazione del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. di questo stesso sito per cui, per rispondere al quesito formulato dal lettore in questa occasione, ritiene di rinnovare le stesse osservazioni già formulate in quella circostanza. L’obbligo da parte del datore di lavoro di ...................

 
Sentenza Cassazione (547): sulla posizione di garanzia del subappaltatore nei confronti del subsubappaltatore - Sezione IV penale - Sentenza n. 10395 del 7 marzo 2018.
 

Quali obblighi in materia di salute e sicurezza sul lavoro  ha in un cantiere un'impresa nei confronti di un'altra alla quale affida dei lavori avuti a sua volta  in affidamento? Chiare e utili indicanzioni discendono dalla lettura di una recente senrenza della Corte di Cassazione.

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it