01 luglio 2022

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
E' accaduto
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 

Accessi:
2517676
 
 
 
Utenti online:
5
 
 
Estratto del D. Lgs. n. 81/08 con gli articoli modificati dal D.L.146/2021 e successiva legge di conversione
 
Leggi gli articoli del D. Lgs. n. 81/08 così come modificati dal D.L.146/2021 e dalla successiva legge 215 di conversione

 
Consulta il MASSIMARIO delle principali sentenze della giurisprudenza in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
 
 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
Convenzioni con porreca.it.
 

Porreca.it, su richiesta di Associazioni di sicurezza, ordini e collegi professionali, studi tecnici e legali, allo scopo di favorire, diffondere e incrementare la cultura della sicurezza sul lavoro, è disposto a sottoscrivere una convenzione in base alla quale si impegna a consentire agli iscritti che ne facciano richiesta l’accesso per un anno alla Banca Dati del proprio sito ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello normalmente praticato agli utenti abbonati. Per le modalità contattare la redazione all'indirizzo info@porreca.it

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (532): Sull’obbligo da parte del datore di lavoro di rilasciare ai dipendenti gli attestati di formazione.
 

C’è l’obbligo da parte del datore di lavoro di consegnare ai dipendenti l'attestato della formazione acquisita o gli stessi sono di sua proprietà? 
      Risposta a cura di G. Porreca.
     Il lettore nel formulare questo quesito sull’obbligo o meno da parte del datore di lavoro di consegnare ai propri dipendenti gli attestati della formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro che hanno acquisito ha messo in luce un “buco normativo" che ancor oggi è possibile riscontrare nel testo del D. Lgs. n. 81/2008 e che non è mai stato colmato benché fosse stato messo in evidenza.................

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
Quesito D. Lgs. 81/08 (534): Quesito sugli obblighi di sicurezza nei lavori di ristrutturazione di due appartamenti della stessa palazzina appartenenti a proprietari diversi

Nel caso dei lavori di ristrutturazione di due appartamenti uno al piano terra e uno al primo piano di una stessa palazzina appartenenti a proprietari diversi, essendo stati affidati alle stesse imprese, si può fare un unico PSC indicando come responsabile dei lavori uno dei due proprietari, o bisogna fare due PSC distinti pur avendo presentato un'unica pratica edilizia? Risposta a cura di G. Porreca.

 
 
 
Sentenza Cassazione (717): Sull’attività di indagine preliminare e su quella ispettiva degli UPG in materia di sicurezza sul lavoro. - penale Sezione IV - Commento a cura di G. Porreca

L’attività ispettiva del UPG in materia di sicurezza sul lavoro è una attività di indagine preliminare o è solo finalizzata a raccogliere indizi di reato e elementi per l'applicazione della legge penale? La risposta, anche se scontata per gli operatori del settore, in una recente sentenza della III Sezione penale della Corte di Cassazione. Il testo e il commento a cura di G. Porreca.

 
 
 
Corso Aias Academy in videoconferenza sul coordinamento delle emergenze 5 luglio 2022

L'Aias Academy organizza un Corso di aggiornamento in videoconferenza della durata di 8 ore  sul tema "Coordinamento delle emergenze: principi, tecniche e gestione della sicurezza ai sensi DM 03/08/2015" che si svolgerà il 5 luglio 2022. Per i partecipanti è previsto il rilascio di 8 crediti formativi per RSPP/ASPP, RLS, Formatori, CSP/CSE, Dirigenti, Preposti, Lavoratori e per il percorso formativo HSE Manager

 
 
 
Sentenza Cassazione (716):Sulla responsabilità per un infortunio accaduto a seguito delle modifiche apportate ad un ponteggio - penale Sezione IV - Commento a cura di G. Porreca.

Si segnala una recente sentenza della Corte di Cassazione penale sull'obbligo da parte del datore di lavoro di vigilare sulle modalità di svolgimento del lavoro nella propria azienda, anche mediante la nomina di un preposto o di un delegato, in modo da garantire la corretta osservanza delle disposizioni atte a prevenire gli infortuni sul lavoro. Il testo e il commento a cura di G. Porreca.

 
 
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 aggiornato a dicembre 2018.
 
     Consulta
 
___SEGUICI SU TWITTER___
 
  SEGUICI    SU   TWITTER
 
Sentenza Cassazione (715): Sulla non responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio di un estraneo alla propria azienda - penale Sezione IV - n, 3541 del 1 febbraio 2022.
 

L’assunzione di una posizione di garanzia non comporta una automatica responsabilità del datore di lavoro per un evento infortunistico se non viene accertato che il rischio concretizzatosi sia ricollegato ad una normativa che si presume violata.

 
Sentenza Cassazione (714): Sulla responsabilità per l’infortunio di un lavoratore accaduto in un “ambiente confinato” - penale Sezione IV n. 8423 del 14 marzo 2022
 

Risponde il capocantiere, quale preposto, per l’infortunio occorso a un lavoratore in un ambiente confinato se non ha verificato che fosse stato sottoposto a visita medica di idoneità alla mansione  e che fosse stato formato e fornito dei necessari DPI.

 
Sentenza Cassazione (713): Sulla individuazione delle responsabilità del Sindaco per l’infortunio di un dipendente comunale .- penale Sezione IV n. 42062 del 18 settembre 2021
 

Come fare per individuare le posizione di garanzia in materia di sicurezza sul lavoro e i soggetti deputati alla gestione del rischio in una struttura complessa come quella di un ente comunale? Lo ha suggerito in una recente sentenza la Cassazione  chiamata a decidere su di un ricorso presentato dal Sindaco di un Comune condannato per l'infortunio mortale di un dipendente. Il testo e il commento a cura di G. Porreca.

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it