17 settembre 2019


Accessi:
2098491
 
 
 
Utenti online:
4
 
 
NON RICEVI LA NEWSLETTER?
 
Se sei iscritto e non ricevi la newsletter o se hai cambiato indirizzo  rinnova qui l'iscrizione
 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
Convenzione Aiesil porreca.it
 

E' stata attivata una convenzione con l’AIESIL in base alla quale porreca.it si è impegnato a fornire agli iscritti all’AIESIL che ne facciano richiesta un abbonamento annuo ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello praticato normalmente agli utenti e una informativa su Corsi e Convegni segnalati. Per informazioni conttatta info@porreca.it.

 
Convenzione AiFOS porreca.it.
 

E' stata attivata una convenzione con l’AiFOS in base alla quale porreca.it si è impegnato a fornire agli iscritti all’AiFOS che ne facciano richiesta un abbonamento annuo ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello praticato normalmente agli utenti e una informativa su Corsi e Convegni segnalati. Per informazioni conttatta info@porreca.it.

 
Convenzione Assidal porreca.it
 

E' stata attivata una convenzione con l’Assidal in base alla quale porreca.it si è impegnato a fornire agli iscritti all’Assidal che ne facciano richiesta un abbonamento annuo ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello praticato normalmente agli utenti e una informativa su Corsi e Convegni segnalati. Per informazioni conttatta info@porreca.it.

 
Sentenza Cassazione (605): sulla responsabilità per l'infortunio occorso a un lavoratore di un'impresa subappaltatrice - Sezione III penale - n. 30539 del 11 luglio 2019.
 

Il committente è esonerato dagli obblighi in materia antinfortunistica limitatamente alle precauzioni che richiedono una specifica competenza nelle procedure da adottare, nell'utilizzazione di speciali tecniche o nell'uso di determinate macchine.

 
Sentenza Cassazione (598): sulla sospensione del cantiere da parte del CSE in caso di pericolo grave e imminente - Sezione III penale - n. 25739 del 11 giugno 2019
 

Si è espressa ancora una volta la Corte di Cassazione in una recente sentenza sull'obbligo da parte del CSE di sospendere le attività in un cantiere edile in presenza di un pericolo grave e imminente direttamente riscontrato. E' sufficiente per la suprema Corte la presenza di un ponteggio privo delle necessarie protezioni contro la caduta dall'alto perché il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione adotti il provvedimento di sospensione?

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (503): sulla formazione del datore di lavoro per la conduzione di particolari attrezzature di lavoro e il montaggio di ponteggi.
 

Il datore di lavoro è obbligato a partecipare ai corsi di formazione specifica relativi all'uso di particolari attrezzature di lavoro e per le operazioni di montaggio e smontaggio di ponteggi fissi così come avviene per i lavoratori?
Risposta a cura di G. Porreca
     Il dubbio espresso dal lettore che ha formulato il quesito riguardante l’abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro di cui all’articolo 73 comma 5 del D. Lgs. n. 81/2008. è certamente legato al fatto che la richiesta di abilitazione alla conduzione di particolari attrezzature di lavoro e cioè di quelle attrezzature che richiedono conoscenze e responsabilità particolari di cui all'articolo 71 comma 7 dello stesso D. Lgs. n. 81/2008 è rivolta specificatamente ai lavoratori. Secondo l’art. 73 di tale D. Lgs. infatti,
....................

 
Sentenza Cassazione (601): sulla responsabilità o meno del proprietario non committente per un infortunio accaduto in un cantiere - Sezione IV penale - n. 10039 del 7 marzo 2019.
 

Gli obblighi di sicurezza di cui all’art. 90 del D. Lgs n. 81/2008 gravano esclusivamente sul committente da intendersi come colui che ha stipulato il contratto d’appalto. non è configurabile alcuna responsabilità a carico del proprietario non committente. 

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
PRIVACY

In conformità al Decreto Legislativo 196/2003, si dichiara che i dati vengono raccolti con la finalità di registrare l'utente ed erogare il servizio, nonché per adempiere agli obblighi di legge, e verranno trattati elettronicamente in conformità con le normative vigenti. L'interessato gode dei diritti di cui all'art. 7 del Decreto Legislativo 196/2003 suddetto, e quindi può conoscere, aggiornare, rettificare, i suoi dati ed opporsi a trattamenti illegittimi. Titolare del trattamento dei dati raccolti è l'ing. Gerardo Porreca, nella sua qualità di legale responsabile.

COOKIE POLICY

Che cosa sono i cookie?
Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri messo sul vostro computer in seguito alla navigazione su un sito web.
Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili su internet al sito:

http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie

Perché usiamo i cookie?
I cookies sono parte integrante di siti web moderni. Ci permettono di far funzionare correttamente il sito, distinguere i visitatori in forma anonima e di registrarne il traffico.
Acquisendo questi dati si potrà assicurare e migliorare la navigazione stessa sul sito.
L’acquisizione dei cookie aiuta la navigazione degli utenti.

Quali cookies usiamo?
Noi in particolare ci avvaliamo dei seguenti cookies:

Cookies strettamente necessari per il funzionamento del sito.
ASPSESSIONID (durata: fino alla chiusura del browser - Descrizione: per accedere all'area riservata, la banca dati, del sito);
INFORMATIVACOOKIE (durata: 1 anno - Descrizione: Ricorda l'accettazione dell'informativa sui cookie)

Cookies di terze parti (Google analytics) per effettuare statistiche, in forma anonima, sugli accessi al sito.
_utmt (google analytics - durata: 10 minuti - Descrizione: Tiene traccia del tipo ti pagine richieste dall'utente)
_utma (google analytics - durata: 2 anni - Descrizione: Tiene traccia del numero di volte che un utente accede al sito)
_utmb (google analytics - durata: 30 minuti - Descrizione: Timestamp dell'istante in cui l'utente accede al sito)
_utmc (google analytics - durata: fino alla chiusura del browser - Descrizione: Timestamp dell'istante in cui l'utente lascia il sito)
_utmz (google analytics - durata: 6 mesi - Descrizione: Tiene traccia della provenienza dell'utente)

Questi sono i cookie di performance di terze parti (Google). Noi li raccogliamo in forma anonima per valutare e migliorare il sito.
Google fornisce i dettagli di tutti i cookies utilizzati; leggi ulteriori informazioni su policy privacy di Google:
http://www.google.com/policies/privacy/

Usando il sito web, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.

Diniego ai cookies
Se vi sentite a disagio con l'uso dei cookie, la maggior parte dei browser consentono ora agli utenti di bloccare tale uso (leggi Gestione dei cookies sotto).
Tuttavia, se si sceglie di bloccare i cookie potreste non essere in grado di accedere a determinate sezioni del sito e la navigazione potrebbe essere compromessa.
In alternativa, potrete sempre eliminare i cookie dal vostro sistema al termine della visita al nostro sito.

Gestione dei cookies
È possibile modificare le impostazioni del browser per gestire i cookie.
Per informazioni su come gestire i cookie potete consultare l'aiuto del vostro browser.
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 aggiornato a dicembre 2018.
 
     Consulta
 
___SEGUICI SU TWITTER___
 
  SEGUICI    SU   TWITTER
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (505): sulla individuazione del RSPP in una struttura sanitaria con più di 50 dipendenti a cura di G. Porreca.
 

In una struttura sanitaria, avendo superato il numero di 50 addetti, la ASL competente ha richiesto le mie dimissioni da RSPP esterno, in quanto il servizio di SPP deve essere composto da personale interno alla struttura. In altre strutture però la stessa ASL consente che il RSPP sia esterno e gli ASPP interni. Cosa ne pensa in merito?
     Risposta a cura di G. Porreca
     Un quesito analogo a quello appena formulato è stato posto allo scrivente nel 2008 subito dopo l’entrata in vigore del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, che come è noto ha abrogato e sostituito il D. Lgs. 19/9/1994 n. 626, con il quale è stata chiesta una interpretazione sul significato del termine “interno” riferito alla figura del RSPP, nei casi per i quali il Testo Unico prevede l'obbligo di avere un RSPP interno e più in particolare se in tal caso si deve fare riferimento necessariamente ad un RSPP dipendente o si può ricorrere ad una figura esterna all’azienda. Per rispondere al quesito................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (504): Quesito sul coordinamento di imprese che utilizzino lavoratori distaccati a cura di G. Porreca.
 

Il CSE ha chiesto a un’impresa il giudizio di idoneità di tre lavoratori distaccati, pena il loro ingresso in cantiere, anche se gli stessi sono stati già ritenuti idonei alla mansione dal medico competente della ditta distaccante. Ma in questi casi non conserva la sua validità il certificato di idoneità già in possesso dei lavoratori, considerato che la mansione rimane la stessa?
Risposta a cura di G. Porreca
     L’istituto del distacco, già in passato utilizzato in particolari tipologie di lavoro e più volte oggetto di analisi da parte sia della giurisprudenza che della dottrina, è disciplinato nel nostro ordinamento legislativo dall'art. 30 del D. Lgs. 10/9/2003 n. 276, meglio conosciuto come legge Biagi, ed è quel tipo di rapporto di lavoro in base al quale un datore di lavoro, detto distaccante, mette temporaneamente a disposizione di un altro datore di lavoro, detto distaccatario, uno o più lavoratori per l'esecuzione di una determinata attività lavorativa. Secondo l’art. 30.....................

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (509): sulla verifica “in ogni istante” dell'aggiornamento effettuato nel quinquennio antecedente, di cui all'Accordo del 7/7/2016, anche per l'aggiornamento dei lavoratori.
 

La regola introdotta dall’Accordo Stato Regioni del 7/7/2016 in base alla quale in ogni istante bisogna potere dimostrare di aver partecipato nell’ultimo quinquennio a corsi di aggiornamento per un numero di ore non inferiore a quello minimo previsto vale anche per l’aggiornamento dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro? Come si calcola inoltre il quinquennio nel caso della formazione dei lavoratori?
Risposta a cura di G. Porreca
     Il lettore che ha formulato il quesito fa riferimento alla regola che ha introdotto l’ultimo Accordo Stato Regioni del 7/7/2016 sulla formazione degli RSPP e ASPP nel rispetto della quale gli stessi, per potere esercitare la loro funzione, devono potere dimostrare in ogni istante di avere partecipato, nell’arco dei cinque anni antecedenti all’istante medesimo, a corsi di formazione per un numero di ore non inferiore a quello minimo previsto dall’Accordo stesso e chiede,
....................

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it