19 novembre 2018

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
La mia risposta ai quesiti
 
>Applicazione D. Lgs. 81/2008
 
>Campo di applicazione
>Cantieri
>Valutazione rischi DVR - DUVRI
>Formazione
>RLS - RLST
>SPP - RSPP
 
 
>Obblighi datori lavoro
>Obblighi preposti
>Obblighi lavoratori autonomi e imprese familiari
>Obblighi dei noleggiatori e concedenti in uso
>Medico competente
>Società
>Sanzioni
 
>Applicazione D. Lgs. 494/1996
 
>Applicazione D. Lgs. 758/1994
 
>Applicazione D. Lgs. 626/1994
 
>Applicazione norme generali
 
>Sicurezza del cantiere edile
 
>Macchine - attrezzature - impianti
 
>Vigilanza
 
La risposta a quesiti rivolti a altri
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
Curiosità
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 
 

Accessi:
1929680
 
 
 
Utenti online:
3
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
QUESITI  |  LA MIA RISPOSTA AI QUESITI  |  APPLICAZIONE D. LGS. 81/2008  |  SPP - RSPP 
 
 
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (433): sulle modalità di svolgimento delle funzioni di responsabile del servizio di prevenzione e protezione a cura di G. Porreca.

Vorrei avere un chiarimento, se possibile supportato da norme di riferimento, riguardo le modalità di effettuazione delle visite ai luoghi di lavoro da parte del RSPP e più in particolare se è possibile che questi le effettui senza preavviso.
Risposta a cura di G. Porreca
     Il lettore nel quesito formulato chiede se il responsabile del servizio di prevenzione e protezione di un’azienda possa svolgere le sue visite nei luoghi di lavoro senza alcun preavviso e senza che sostanzialmente sia stato informato il datore di lavoro dell’azienda medesima. Il quesito, a dire il vero, è piuttosto singolare se solo ci si sofferma a riflettere su quelli che sono i compiti che deve svolgere il RSPP alla luce delle disposizioni di cui al D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i., contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro. Le funzioni ed i compiti del RSPP................

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (407): sulla unicità all'interno di una azienda della figura del RSPP a cura di G. Porreca.

Una azienda che oltre a quella agricola svolge altre attività, quali l’organizzazione di convegni, mostre e visite guidate di edifici di sua proprietà, alle quali è addetto comunque lo stesso personale impegnato nell’attività agricola, vuole nominarmi RSPP esclusivamente per l’attività agricola e non anche per quelle che si svolgono presso gli edifici storici. E’ consentito dalla normativa incaricare un RSPP solo per una parte dell’attività svolta dall’azienda ovvero può un datore di lavoro nominare un RSPP solo per alcuni codici Ateco?
Risposta a cura di G. Porreca
     Le disposizioni di legge in materia di salute e della sicurezza sul lavoro ed in particolare il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. impongono la istituzione presso ogni azienda di un servizio di prevenzione e protezione al quale vanno affidati i compiti di cui all’articolo 33 del decreto legislativo medesimo, compiti di prevenzione, di informazione, di formazione, di consultazione e di consulenza in genere da svolgere per conto dei datori di lavoro e prevedono, altresì, che tale servizio di prevenzione e protezione possa essere di tipo diretto, interno o esterno. Lo svolgimento dei compiti del servizio di prevenzione e protezione ................

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (343): sull'attestazione dei requisiti professionali per il RSPP e per gli ASPP.

Il D. Lgs. 195/03 è tuttora vigente o è stato abrogato dal D. Lgs. 81/08 in quanto modifica ed integrazione al D. Lgs. 626/94? Inoltre, nella dichiarazione del RSPP esterno circa il possesso dei requisiti per ricoprire tale ruolo, è opportuno che sia richiamato l'art. 32 del D. Lgs. 81/08 o può ritenersi conforme alla normativa una dichiarazione che riporti esclusivamente il riferimento ai requisiti di cui al D. Lgs. 195/2003?
Risposta a cura di G. Porreca
     Già con il D. Lgs. 19/9/1994 n. 626 il legislatore aveva stabilito che il datore di lavoro deve istituire nella propria azienda un servizio di prevenzione e protezione ed in particolare, con l’articolo 8 comma 2 dello stesso decreto legislativo, che deve designare una o più persone da lui dipendenti per l’espletamento dei compiti del servizio medesimo tra le quali il responsabile del servizio stesso che deve essere in possesso di “attitudini e capacità adeguate”. Il D. Lgs. . 626/1994 non ha precisato però.................

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (330): sulla istituzione del servizio di prevenzione e protezione nelle aziende di trasporto a cura di G. Porreca.

Con riferimento agli obblighi del datore di lavoro sulla istituzione del servizio di prevenzione e protezione interno o esterno alla propria azienda, al punto e) dell’articolo 31 del D. Lgs. n. 81/2008 è indicato che "nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori" il RSPP deve obbligatoriamente essere interno. Cosa intende il legislatore con  la definizione "azienda industriale"? Alla luce di queste disposizioni un'azienda di trasporto con più di 200 lavoratori deve organizzare un servizio interno o può essere anche esterno?
Risposta a cura di G. Porreca
      Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 nell’imporre con l’articolo 31 che presso tutte le aziende venga istituito un servizio di prevenzione e protezione ha previsto che lo stesso possa essere interno, esterno o possa far capo direttamente al datore di lavoro nel caso che ricorrano le condizioni previste dall’Allegato II del D. Lgs. medesimo, e che questi abbia inteso inoltre optare per lo svolgimento diretto dei compiti del servizio medesimo. Con il comma 6 dello stesso articolo 31 inoltre................

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (295): sulla responsabilità del RSPP e sugli indirizzi forniti dalla Corte di Cassazione a cura di G. Porreca.

Sono un RSPP e ho letto la sentenza n. 11492 dell’11/3/2013 della Corte di Cassazione pubblicata sul sito sulla eventuale responsabilità del RSPP per gli infortuni che accadono nei luoghi di lavoro e sono rimasto sconcertato. Che significa quanto letto nella sentenza che da questo momento il RSPP corre il rischio di essere chiamato a rispondere per gli incidenti occorsi a qualsiasi terzo estraneo nel luogo di lavoro?
Risposta a cura di G. Porreca
    Quanto sostenuto dalla Corte di Cassazione nella sentenza di cui al quesito formulato e cioè che il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP), anche se non destinatario di responsabilità prevenzionali in materia di sicurezza sul lavoro, può comunque rispondere in concorso se non anche in via esclusiva per reati colposi di evento nel caso in cui nell’ambito di una azienda si verifichino infortuni sul lavoro o tecnopatie ................

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (230): sull'obbligo dell'istituzione del SPP in aziende nelle quali operano solo lavoratori a progetto a cura di G. Porreca.

     Nella zona dove opero è diffusa la presenza di aziende che si avvalgono contemporaneamente di lavoratori dipendenti e di lavoratori a progetto che svolgono la loro attività nell’ambito dell’azienda stessa. Nel caso in cui in una di queste aziende operino solo ed esclusivamente lavoratori a progetto è tenuto il datore di lavoro ad istituire il SPP ed a designare il RSPP? E come si deve regolare per il RLS? Deve attivarsi affinché i lavoratori a progetto provvedano ad eleggersi un loro rappresentante?     
     Risposta a cura di G. Porreca
       Il D. Lgs. 9/4/2008  n. 81 fa riferimento nel suo testo ai lavoratori a progetto di cui agli articoli 61 e seguenti del D. Lgs. 10/9/2003 n. 276 e s.m.i., insieme ai collaboratori coordinati e continuativi di cui all'articolo 409 primo comma n. 3 del codice di procedura civile, nell’articolo 3 riguardante il campo di applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 medesimo e nell’articolo 4 relativo al computo dei lavoratori...........

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (145): sull'obbligo di comunicare agli organi di vigilanza le dimissioni dalla attività del RSPP

Rivesto il ruolo di RSPP sia interno che esterno per due aziende dello stesso gruppo imprenditoriale. Da qualche mese ho deciso di dimettermi e di intraprendere la libera professione. La domanda che le pongo è la seguente: avendo deciso di dare le dimissioni anche come RSPP è opportuno o obbligatorio trasmettere le stesse agli enti quali lo SPESAL, la Direzione Provinciale del Lavoro, o altri? Non leggo in merito riferimenti normativi.

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (136): sulle capacità e sui requisiti richiesti al datore di lavoro nel caso di svolgimento diretto del servizio di prevenzione e protezione

     L'articolo 34 del D. Lgs. n. 81/2008 è chiaramente una agevolazione a favore delle ditte di piccole dimensioni ma si deve intendere in totale deroga di quanto sancito dal precedente articolo 32 e quindi a prescindere dalla capacità professionali del datore di lavoro oppure come facoltà per quella quota di datori di lavoro in possesso di capacità e requisiti? Le 16 ore di corso sono titolo sufficiente per svolgere tale compito?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (134): sull'obbligo della istituzione del servizio di prevenzione e protezione interno per le case di ricovero e di cura

     Molte case di ricovero e cura utilizzano la pratica dell'appalto a cooperative o a ditte esterne. In tale modo ogni singola ditta contribuisce con meno di 50 dipendenti ma in totale il personale operante è al di sopra di detto numero. In questi casi è richiesta l'applicazione dell'art. 31 comma 6 del D. Lgs. n. 81/2008 (SPP interno)?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (112): chiarimenti sulle diverse responsabilità del RSPP nel caso che sia interno o esterno all'azienda

     Con riferimento ad alcune condanne di responsabili dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP) riportate nel repertorio delle sentenze del suo sito si chiede se i RSPP erano dipendenti delle ditte in questione? Nel caso di un infortunio c’è differenza qualora un RSPP è dipendente o è esterno all'azienda?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (103): sulla possibilità da parte del datore di lavoro di svolgere l'attività di primo soccorso, di prevenzione incendi e di evacuazione

1° QUESITO 

Leggendo l’art. 34 c. 1 e c. 1-bis del D. Lgs. n. 81/2008 sul Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, così come modificato dal decreto correttivo di cui al D. Lgs. n. 106/2009 viene da rivolgere la seguente domanda: può il DDL di un impresa o unità produttiva con più di 5 lavoratori svolgere direttamente le funzioni di addetto alle emergenze antincendio-evacuazione e primo soccorso, fermo restando lo svolgimento della formazione di cui al c. 2 bis dello stesso articolo, o per poter svolgere tali compiti deve anche svolgere la funzione di RSPP? 

2° QUESITO 

E’ possibile da parte di un datore di lavoro svolgere direttamente l'attività di addetto al primo soccorso e antincendio nelle aziende con più di 5 dipendenti? 

3° QUESITO 

In virtù dell’inserimento del comma 1 bis nell’art 34 del D. Lgs. n. 81/2008, è preclusa al datore di lavoro di un’azienda che occupa più di 5 lavoratori, la facoltà di svolgere direttamente i compiti di addetto all’antincendio e primo soccorso? Se questo compito fosse precluso, si devono adeguare anche le aziende (con oltre 5 lavoratori) nel cui ambito è tuttora il datore di lavoro a svolgere le funzioni di addetto antincendio e di primo soccorso? 

4° QUESITO 

Nell’art. 34 così come modificato dal D. Lgs. n. 106/2009 si parla di svolgimento diretto dei compiti dell’RSPP nelle aziende fino a 5 lavoratori: “-1 bis. Salvo che nei casi di cui all’articolo 31, comma 6, nelle imprese o unità produttive fino a cinque lavoratori il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti di primo soccorso, nonché di prevenzione degli incendi e di evacuazione, anche in caso di affidamento dell’incarico di responsabile del servizio di prevenzione e protezione a persone interne all’azienda o all’unità produttiva o a servizi esterni così come previsto all’articolo 31, dandone preventiva informazione al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ed alle condizioni di cui al comma 2-bis”. Cosa significa questo? Nelle aziende con più di 5 lavoratori il datore di lavoro può svolgere o no direttamente il compito di RSPP e contemporaneamente di primo soccorso e antincendio, come previsto dall’allegato 2 del decreto 81/08?
 
5° QUESITO 

Il comma 2-bis dell’art. 34 del D. Lgs. n. 81/2008 così come modificato dal D. Lgs. n. 106/2009 (che prevede la frequentazione da parte del Datore di Lavoro ai corsi di primo soccorso e di antincendio) fa esplicito riferimento al "datore di lavoro che svolge direttamente i compiti di cui al comma 1-bis" (che si riferisce ad aziende fino a 5 lavoratori in cui il Datore di Lavoro NON E' RSPP), per cui chiedo: nei casi di cui al comma 1, il Datore di Lavoro che è RSPP (e ha quindi svolto il corso di 16 ore ai sensi del DM 16/01/1997) può non frequentare i corsi di cui al DM 10/03/98 e DM 388/2003?
 
6° QUESITO 

Perché si sostiene che la formazione antincendio e di primo soccorso nei casi esposti nel quesito n. 91 sia obbligatoria per il datore di lavoro quando lo stesso decreto correttivo n. 106/2009 usa il verbo "può" frequentare e non "deve" frequentare?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (102): sulla possibilità da parte del datore di lavoro di svolgere l'attività di RSPP in una azienda con più di 30 unità lavorative

     Il Datore di Lavoro che ha frequentato il corso di formazione RSPP 195/03 (modulo A B C) può svolgere i compiti di RSPP nell'azienda da lui rappresentata ove sono occupate più di 30 unità lavorative?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (65): sui modelli di struttura del servizio di prevenzione e protezione

     Secondo l’art. 31 del D. Lgs. n. 81/2008 si può istituire un unico servizio di prevenzione e protezione nel caso di gruppi di imprese. Non si capisce però come si può mettere in atto praticamente un modello del genere. In altri termini con una soluzione del genere viene da porsi delle domande. Può un datore di lavoro nominare più RSPP o può un datore di lavoro nominare come ASPP una persona esterna alla propria azienda, oppure ancora può una stessa persona essere nominata ASPP da più datori di lavoro?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (48): sulla delega per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti del servizio di prevenzione e protezione

Nel caso di una azienda con meno di 30 lavoratori può il datore di lavoro delegare lo svolgimento diretto dei compiti del servizio di prevenzione e protezione ed in tal caso il delegato deve frequentare il corso per datori di lavoro (da 16 a 48 ore) oppure il corso per RSPP relativo al macrosettore ATECO di appartenenza? Può la valutazione dei rischi essere effettuata dal delegato?

 
   
 
Quesito D. Lgs. 81/08 (41): sulla individuazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione nei casi in cui è obbligatorio il SPP interno

     Si chiede una interpretazione del termine “interno” riferita alla figura del RSPP, nei casi per i quali il Testo Unico prevede l'obbligo di avere un RSPP “interno”. In particolare si chiede se si deve ricorrere necessariamente ad un RSPP dipendente o si può ricorrere ad una figura esterna.

 
   
 
 
risultati da 1 a 15 di 19       pagina successiva
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it