16 giugno 2021

Home
 
Archivio sentenze
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
E' accaduto
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 

Accessi:
2416597
 
 
 
Utenti online:
7
 
 
RASSEGNA DISPOSIZIONI ANTI COVID-19
 
Rassegna dei principali Decreti, Protocolli, Linee Guida, Disposizioni regionali, Vademecum anti Covid 19
 
CONSULTA LA BANCA DATI
 
Quesiti
Sentenze
Approfondimenti
Linee Guida
Norme e Prassi

Per le modalità e le condizioni di accesso clicca
 qui
 
Convenzioni con porreca.it.
 

Porreca.it, su richiesta di Associazioni di sicurezza, ordini e collegi professionali, studi tecnici e legali, allo scopo di favorire, diffondere e incrementare la cultura della sicurezza sul lavoro, è disposto a sottoscrivere una convenzione in base alla quale si impegna a consentire agli iscritti che ne facciano richiesta l’accesso per un anno alla Banca Dati del proprio sito ad un prezzo ridotto di un terzo rispetto a quello normalmente praticato agli utenti abbonati. Per le modalità contattare la redazione all'indirizzo info@porreca.it

 
Sentenza Cassazione (673): Sull’autonoma posizione di garanzia del direttore tecnico di cantiere e del capocantiere. - Sez. IV penale - n. 14639 del 20 aprile 2021.
 

In materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro il direttore tecnico ed il capocantiere sono titolari di autonome posizioni di garanzia in quanto egualmente destinatari dell'obbligo di dare attuazione alle norme in materia di sicurezza sul lavoro.

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (526): Quesito sulla validità della formazione da preposto come aggiornamento della formazione del lavoratore.
 

Un lavoratore regolarmente formato per il “rischio di mansione” ha successivamente frequentato il corso da preposto prima della scadenza quinquennale relativa all'aggiornamento della formazione generale+specifica. Secondo quanto indicato nella tabella di cui all’Allegato III dell’Accordo Stato Regioni del 7/7/2016, relativa al riconoscimento dei crediti formativi in caso di percorsi formativi i cui contenuti si sovrappongano in tutto o in parte tra loro, può ritenersi la formazione da preposto valida come aggiornamento della formazione "per lavoratori" e non aggiornare di conseguenza quest’ultima alla sua naturale scadenza?
     Risposta a cura di G. Porreca
    
  Un quesito analogo a quello formulato e con il quale veniva richiesto se l’aggiornamento da preposto fosse comprensivo dell’aggiornamento da lavoratore è stato già posto in precedenza e ad esso è stato dato riscontro con la risposta al quesito n. 370 pubblicato nella rubrica dei quesiti di questo stesso sito. Ora invece il lettore, facendo riferimento alla tabella di cui all’Allegato III dell’Accordo Stato Regioni del 7/7/2016, relativa al riconoscimento dei crediti formativi in caso di percorsi formativi i cui contenuti si sovrappongano in tutto o in parte tra loro, chiede se....................

 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
Iscrizione alla newsletter
                Vuoi essere aggiornato? Iscriviti alla newsletter. Iscrizione gratuita.
                Se sei iscritto e non ricevi la newsletter o se hai cambiato indirizzo 
                      e hai dimenticato di comunicarlo rinnova l'iscrizione
Qui
 
 
 
Attenti a effettuare i lavori superbonus 110% in sicurezza. Si ripropone la risposta a un quesito.

E’ vero, ha chiesto un lettore, che per interventi di superbonus 110% il mancato rispetto delle norme di sicurezza durante i lavori farebbe decadere le detrazioni o la cessione del credito e che per quelli da effettuare all’interno dell’appartamento (la realizzazione del cappotto e l’eventuale sostituzione della caldaia) l’inquilino che ci abita deve comunque lascare vuota l’unità immobiliare? Risposta a cura di G. Porreca.

 
 
 
Sentenza Cassazione (677): Sulla responsabilità del committente di fatto per l’infortunio di un lavoratore in un cantiere- Sez. IV penale - Commento a cura di G. Porreca.

La Corte di Cassazione in una recente sentenza della IV sezione penale si è espressa in merito alla responsabilità o meno di un committente per un infortunio sul lavoro  nel caso che lo stesso abbia omesso di controllare l'adozione d parte di un appaltatore delle misure di sicurezza. Il testo della sentenza e il commento a cura di G. Porreca.

 
 
 
Organizzata dall'AIFOS una ricerca sulla validità della metodologia in videoconferenza.

A un anno dall’utilizzo della videoconferenza nella organizzazione del lavoro e nella formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro in relazione all’emergenza COVID-19, l'AIFOS ha organizzata una ricerca, da effettuare mediante Questionari, con la quale si propone di indagare e conoscere l'opinione dei formatori, delle aziende e dei lavoratori/RLS sulla validità della modalità in videoconferenza.

 
 
 

 
 
 
Corso Aiesil sulle verifiche degli impianti di messa a terra Bologna 14 e 15 giugno 2021.

L’Aiesil, Associazione Italiana Impese Esperte in Sicurezza sul Lavoro e Ambiente, organizza un Corso in presenza sul tema “Verifiche degli impianti di messa a terra alimentati con tensione fino a 1.000 V in c.a.” che si svolgerà il 14 e 15 giugno 2021 dalle ore 9-00 alle ore 18.00 a Bologna in via Marconi 51, docente per. ind. Angelo Maragno.

 
 
 
Sentenza Cassazione (675): Sulla valutazione dei rischi e sull’elaborazione del DVR per aziende fino a 10 dipendenti - Sez. IV penale - Commento a cura di G. Porreca

Quali sono le disposizioni del D. Lgs. riguardanti l'obbligo di analizzare ed individuare tutti i fattori di pericolo concretamente presenti all'interno dell'azienda e quello di redigere, all'esito, il documento di valutazione dei rischi (DVR) nel caso delle aziende che occupino fino a dieci addetti? Il parere della Corte di Cassazione in una recentissima sentenza della Sez. III penale e il commento a cura di G. Porreca..

 
 
 
Sentenza Cassazione (674): Sulla responsabilità per un infortunio sul lavoro in presenza di più posizioni di garanzia - Sez. IV penale - Commento a cura di G. Porreca.
Fornite dalla Corte di Cassazione in una recente sentenza della IV Sezione penale indicazioni sul soggetto al quale addebitare in una azienda la responsabilità per l'omessa adozione di alcune delle cautele antinfortunistiche nel caso che vi siano più titolari della posizione di garanzia. Il testo della sentenza e il commento a cura di G. Porreca.
 
 
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
Il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 aggiornato a dicembre 2018.
 
     Consulta
 
___SEGUICI SU TWITTER___
 
  SEGUICI    SU   TWITTER
 
Sentenza Cassazione (670): Sulla responsabilità per una mancata predisposizione in cantiere dei percorsi di circolazione - Sez. IV penale - n. 19181 del 17 marzo 2021.
 

Il CSP/CSE risponde in cooperazione con il datore di lavoro per l’infortunio di un escavatorista sprofondato col proprio mezzo in una cisterna sottostante l’area di cantiere per non avere predisposto e segnalato dei percorsi di circolazione dei mezzi.

 
Sentenza Cassazione (674): Sulla responsabilità per un infortunio sul lavoro in presenza di più posizioni di garanzia - Sez. IV penale - n. 14627 del 6 aprile 2021.
 

In materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, qualora vi siano più titolari della posizione di garanzia, ciascuno è per intero destinatario dell'obbligo di tutela per cui una omessa cautela antinfortunistica è addebitabile ad ognuno di essi.

 
Quesito D. Lgs. 81/08 (528): sull'obbligo indelegabile da parte del datore di lavoro di designare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione.
 

      Sono subentrato al datore di lavoro di una azienda nella quale svolge l’attività di RSPP un tecnico nominato dal datore di lavoro che ho sostituito. Il dubbio che ho è se sia ancora valida la nomina del RSPP fatta dal precedente datore di lavoro o se devo provvedere a nominarne un altro. Quale è il suo parere alla  luce delle disposizioni di cui al D. Lgs. n. 81/2008? 
      Risposta a cura di G. Porreca.
    
  Il quesito formulato dal lettore è analogo a un altro quesito al quale lo scrivente ha già dato risconto e inserito con il n. 507 nella rubrica dei quesiti sulla applicazione del D. Lgs. n. 81/2008 di questo stesso sito. In quella circostanza a porre il quesito era stato un responsabile del servizio di prevenzione e protezione che, essendo cambiato l’amministratore della società  che gestiva l’azienda presso la quale svolgeva la sua attività, aveva chiesto al nuovo amministratore un nuovo incarico che,.................

 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it