16 novembre 2018

Home
 
Presentazione
 
Notizie
 
Quesiti
 
Repertorio delle sentenze
 
Per argomento
 
>Applicazione norme generali
 
>ResponsabilitÓ figure professionali
 
>Committente - responsabile dei lavori
>Coordinatori
>Datori lavoro e dirigenti
>Preposto e capocantiere
 
 
>RSPP
>Direttori dei lavori
>Lavoratori
>Medico competente
>Noleggiatori
>Altri soggetti
 
>Appalti
 
>Esposizione ai rischi
 
>Macchine
 
>Sanzioni
 
>Sistema sanzionatorio
 
>Vigilanza
 
Ordine cronologico
 
Approfondimenti
 
Linee guida e Manuali
 
Norme e prassi
 
Convegni e Seminari
 
Corsi
 
Rassegna stampa
 
Link utili
 
Da altri siti
 
CuriositÓ
 
Curriculum personale
 
Dicono di noi
 
 

Accessi:
1928037
 
 
 
Utenti online:
4
 
 
  HOME CONTATTI Iscrizione
gratuita alla

NEWSLETTER
 
CERCA NEL SITO

Cerca
REPERTORIO DELLE SENTENZE  |  PER ARGOMENTO  |  RESPONSABILIT└ FIGURE PROFESSIONALI  |  PREPOSTO E CAPOCANTIERE 
 
 
 
Sentenza Cassazione (526): sulla responsabilitÓ del preposto per il mancato svolgimento dei compiti di vigilanza - Sezione IV penale - Sentenza n. 54825 del 6 dicembre 2017.

Il preposto è responsabile dell’infortunio occorso a un lavoratore attinto dalle forche di un carrello elevatore condotto da un operatore sfornito della specifica abilitazione se, pur sapendolo, non è intervenuto ad impedire l’uso dell’attrezzatura.

 
   
 
Sentenza Cassazione (505): sulla responsabilitÓ del preposto per l'infortunio di un lavoratore anche se non formato - Sezione IV penale - Sentenza n. 18090 del 10 aprile 2017.

Il soggetto che accetta le funzioni di preposto e le svolge di fatto lè responsabile, in concorso con il datore di lavoro, per l’infortunio occorso a un lavoratore dipendente pur in mancanza della specifica formazione prevista dal D. Lgs. n. 81/2008.

 
   
 
Sentenza Cassazione (477): Sulla differenza fra le posizioni di garanzia del datore di lavoro, del dirigente e del preposto - Sezione IV penale - Sentenza n. 33630 del 1 agosto 2016.

Messa in evidenza dalla Corte di Cassazione in una recente sentenza la differenza esistente fra le posizioni di garanzia del datore di lavoro, del diregente e del preposto e fornite utili e necessarie indicazioni per individuare le responsabilità di tali figure per l'infortunio occorso ad un lavoratore in una azienda. Il commento a cura di G. Porreca.

 
   
 
Sentenza Cassazione (455): sulla responsabilitÓ o meno di un preposto per l'infortunio occorso a un lavoratore - Sezione IV penale - Sentenza n. 20984 del 19 maggio 2016.

Quando un preposto può rispondere per l'infortunio occorso ad un lavoratore dipendente dell'azienda presso la quale svolge la propria attività: La Corte di Cassazione in una recente sentenza della Sezione IV penale ha fornito degli utili indirizzi per la individuazione della responsabilità o meno di questa figura aziendale intermedia.

 
   
 
Sentenza Cassazione (464): sulla responsabilitÓ per un infortunio nel caso di pi¨ titolari di una posizione di garanzia - Sezione IV penale - Sentenza n. 17003 del 5 aprile 2016.

Spesso ci sono più titolari di una posizione di garanzia posta a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori per cui nel caso dell'infortunio di uno di essi è necessario individuare su chi ricadono le responsabilità. La Cassazione in una recente sentenza ha fornito degli utili indirizzi per la sua determinazione. Il commento di G. Porreca.

 
   
 
Sentenza Cassazione (444): sulla posizione di garanzia del preposto a tutela della incolumitÓ dei lavoratori - Sezione IV penale - Sentenza n. 8872 del 3 marzo 2016.

Il preposto, titolare di una posizione di garanzia a tutela dei lavoratori, risponde degli infortuni loro occorsi in violazione degli obblighi derivanti da detta posizione purché abbia i poteri necessari per impedire l’evento lesivo verificatosi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (409): sull'esorbitanza del lavoratore infortunato - Sezione IV penale - Sentenza n. 36473 del 9 settembre 2015.

In disaccordo la Corte di Cassazione con quella di Appello sulla individuazione della responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio occorso a un lavoratore e sull’esorbitanza del comportamento di quest'ultimo quando è tale da interrompere il nesso fra le violazioni e l’evento lesivo.

 
   
 
Sentenza Cassazione (408): sulla posizione di garanzia del "preposto di diritto" e del "preposto di fatto" - Sezione IV penale - Sentenza n. 34299 del 6 agosto 2015.

Il capocantiere, impartendo ordini e direttive ai lavoratori per lo svolgimento delle attività di loro competenza e ricoprendo una posizione sovraordinata agli stessi, assume di fatto una posizione di garanzia assimilabile a quella del preposto.

 
   
 
Sentenza Cassazione (405): sulla responsabilitÓ del capocantiere per l'infortunio occorso a un lavoratore - Sezione IV penale - Sentenza n. 31245 del 17 luglio 2015.

In tema di antinfortunistica il capocantiere, la cui posizione è assimilabile a quella del preposto, assume la qualità di garante degli obblighi di sicurezza sul lavoro in quanto sovrintende alle attività, impartisce istruzioni e dirige gli operai.

 
   
 
Sentenza Cassazione (410): sulla responsabilitÓ di un capocantiere RLS per l'infortunio occorso a un lavoratore - Sezione IV penale - Sentenza n. 11135 del 16 marzo 2015.

Il capocantiere, considerata la sua qualifica e la sua presenza quotidiana in cantiere, è tenuto ad una attività di vigilanza sulla corretta esecuzione delle opere e sulla predisposizione delle misure poste a tutela della sicurezza dei lavoratori.

 
   
 
Sulla responsabilitÓ del preposto di fatto per un infortunio occorso ad un lavoratore. - Cassazione Penale Sez. IV - Sentenza n. 9491 del 27 febbraio 2013.

Dirigere gli operai e impartire istruzioni sulle lavorazioni da eseguire individuano una condotta che può essere correttamente collocata nel ruolo del preposto con l’assunzione quindi di una posizione di garanzia per la sicurezza dei lavoratori.

 
   
 
Sentenza Cassazione (257): Sull'obbligo della presenza costante di un preposto - Cassazione Penale Sez. IV- Sentenza n. 4412 del 1 febbraio 2012.

Il preposto, in quanto delegato alla diretta sorveglianza dei lavoratori a lui affidati, anche se non viene richiesta una sua presenza continua sul posto di lavoro, è comunque tenuto ad una costante vigilanza sull’operato dei lavoratori stessi.

 
   
 
Sentenza Cassazione (251): Sugli obblighi in materia di sicurezza in presenza di pi¨ posizioni di garanzia - Cassazione Penale Sez. IV- Sentenza n. 46849 del 19 dicembre 2011.

Se vi sono più titolari di una posizione di garanzia ciascun garante risulta per intero destinatario dell’obbligo di impedire un evento fino a che non si esaurisca il rapporto che ha legittimato la costituzione della singola posizione di garanzia.

 
   
 
Sentenza Cassazione (250): Sulle figure di direttore tecnico di cantiere e di capocantiere - Cassazione Penale Sez. IV- Sentenza n. 43628 del 24 novembre 2011.

Il direttore tecnico di cantiere e il capocantiere sono inquadrabili, ai fini della applicazione delle norme in materia tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, nel modello legale rispettivamente del dirigente e del preposto.

 
   
 
Sentenza Cassazione (216): Sulla responsabilitÓ del capocantiere - Cassazione Penale Sez. IV - Sentenza n. 2578 del 26 gennaio 2011.

Il capocantiere, anche in assenza di una formale delega in materia di salute e sicurezza sul lavoro, è destinatario diretto dell’obbligo di verificare che i lavori in cantiere vengano svolti in applicazione delle norme antinfortunistiche.

 
   
 
 
risultati da 1 a 15 di 25       pagina successiva
 
Login per la banca dati
USERNAME
PASSWORD
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
 
FORMULA UN QUESITO
 
LA MIA RISPOSTA
AI QUESITI
 
 
 
CLIPPING Clipping
Per inserire un articolo cliccare sull'icona accanto al suo titolo. Per visualizzarli cliccare su "Clip".
 
 
   
 
HOME    |    CONTATTI    |    MAPPA SITO    |    PRIVACY    |    © CREDITS
P. IVA: 06884130722
Localizazzione indirizzo IP generata da lgnet.it